Periodico indipendente di

informazione, politica, cultura, storia...

simpatizzante della Lega 

 

HOME

 

 

 

DON STURZO CHE REDASSE

IL MANIFESTO LIBERI E FORTI

POPULISMO E LIBERI E FORTI

(1 LUGLIO 2019)

 

Molte delle istanze dei cosiddetti populisti e della Lega erano parte integrante dell'appello ai Liberi e forti che divenne il manifesto di fondazione del Partito Popolare di Don Sturzo pubblicato il 18 gennaio 1919 all'indomani della prima guerra mondiale ma che brillano ancora oggi per la loro attualità

Alcuni passaggi dell'appello:

- Al migliore avvenire della nostra Italia – sicura nei suoi confini e nei mari che la circondano. 

- vogliamo sul terreno costituzionale sostituire uno Stato veramente popolare, che riconosca i limiti della sua attività, che rispetti i nuclei e gli organismi naturali – la famiglia, le classi, i Comuni – che rispetti la personalità individuale e incoraggi le iniziative private. 

- vogliamo la riforma della burocrazia e degli ordinamenti giudiziari e la semplificazione della legislazione, invochiamo il riconoscimento giuridico delle classi, l’autonomia comunale, la riforma degli Enti Provinciali e il più largo decentramento nelle unità regionali.

- Questo ideale di libertà non tende a disorganizzare lo Stato ma è essenzialmente organico nel rinnovamento delle energie e delle attività, che debbono trovare al centro la coordinazione, la valorizzazione, la difesa e lo sviluppo progressivo. Energie, che debbono comporsi a nuclei vitali che potranno fermare o modificare le correnti disgregatrici, le agitazioni promosse in nome di una sistematica lotta di classe e della rivoluzione anarchica e attingere dall’anima popolare gli elementi di conservazione e di progresso, dando valore all’autorità come forza ed esponente insieme della sovranità popolare e della collaborazione sociale.

- Ci presentiamo nella vita politica con la nostra bandiera morale e sociale, inspirandoci ai saldi principii del Cristianesimo che consacrò la grande missione civilizzatrice dell’Italia; missione che anche oggi, nel nuovo assetto dei popoli, deve rifulgere di fronte ai tentativi di nuovi imperialismi, di fronte a sconvolgimenti anarchici di grandi Imperi caduti, di fronte a democrazie socialiste che tentano la materializzazione di ogni identità, di fronte a vecchi liberalismi settari, che nella forza dell’organismo statale centralizzato resistono alle nuove correnti affrancatrici.